“Io e Freddie ci siamo sempre aiutati e stimolati a vicenda”

174


Il chitarrista dei Queen Brian May ha raccontato in una recente intervista come è stato e cosa ha significato per lui registrare Bohemian Rhapsody assieme al leggendario leader della band Freddie Mercury. Considerata all’epoca come un grosso rischio e difficilmente un successo, la canzone è una delle più amate e di maggior successo di tutti i tempi nella storia della musica mondiale. Il brano venne scritto da Freddie Mercury, ma l’assolo di chitarra è stato composto interamente dal chitarrista dei Brian May.

Nell’intervista rilasciata al magazine Total Guitar, Brian May ha raccontato le fasi di registrazioni, l’evoluzione prolungata che ha portato il brano alla versione definitiva e l’ispirazione “quasi febbrile” messa da Freddie per la scrittura della leggendaria suite da oltre 6 minuti: “È stata registrata a pezzi, come credo tutti sappiano. Provavamo e registravamo di continuo e lo facevamo finché le parti non raggiungevano la perfezione. I vari pezzi sono stati messi insieme così. Freddie registrò una voce guida su cui poi abbiamo costruito le armonie in multitraccia. Ovviamente nella base avevo già registrato una chitarra ritmica. E durante quel processo di creazione e registrazione parlammo sulla posizione esatta su dove inserire un assolo. A quello Freddie non ci aveva pensato“.

Il chitarrista dei Queen ha ammesso che la rappresentazione della registrazione del brano all’interno del film Bohemian Rhapsody è in realtà piuttosto accurata.

Continuando con l’intervista Brian May ha raccontato del rapporto di grande interazione avuto con Freddie durante quei giorni di produzione e registrazione: “Penso che fosse parte della magia che avevamo. Ci siamo supportati molto, davvero, ma in un modo molto positivo. Ci spingevamo sempre a vicenda per provare le cose. Un giorno quando sono entrato in studio Freddie aveva un grande sorriso stampato in faccia e appena mi vide inserì una cassetta nel lettore e disse: “Ascolta questo, tesoro, questo ti sorprenderà“. E quello che aveva fatto era passare l’intera mattinata a mettere insieme tutti gli assoli di chitarra che poteva trovare all’interno lavoro che avevamo fatto. Li montò tutti insieme. Fu davvero sorprendente. E uno dei miei più grandi rimpianti è che non riesco più a trovare quella cassetta. Non butto mai via niente. Sono un po’ un come un collezionista di robe vecchie. Quindi dovrebbe essere sicuramente da qualche parte. Freddie era molto orgoglioso delle cose che avevo fatto e che avevamo fatto insieme“.





Source link at www.virginradio.it




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.