Microsoft stava semplicemente esplorando ‘ogni angolo’ quando cerc di acquisire Nintendo • Eurogamer.it

179


All’inizio di questo mese, Bloomberg ha pubblicato una storia su come Microsoft abbia tentato di acquisire Nintendo molti anni fa.

EA, all’epoca, avrebbe detto che Microsoft “non aveva la più pallida idea” di come realizzare una console, mentre Nintendo pensava che la proposta di Microsoft fosse “esilarante”, secondo l’ex director of third party relations di Xbox, Kevin Bachus.

In un’intervista a Robbie Bach, ex presidente della divisione intrattenimento e dispositivi di Microsoft e Chief Xbox Officer, è stato chiesto di fornire alcune informazioni su questa storia e ha parlato di come il gigante della tecnologia stesse semplicemente cercando partner “mentre esplorava ogni angolo” e Nintendo era situata dall’altra parte della strada rispetto ai suoi uffici.

Agli albori del concetto di Xbox, Microsoft non voleva fare il duro lavoro, semplicemente non era qualcosa che sapevamo fare e quindi l’idea era cercare partner. Abbiamo parlato con tutti i produttori di PC, abbiamo parlato con Sega e quindi siamo andati a parlare con Nintendo: erano sicuramente i più grandi dell’isolato e, a proposito, erano dall’altra parte della strada rispetto ai nostri uffici, quindi non è stato come se avessimo dovuto fare un lungo viaggio per andare a trovarli.”

Così abbiamo avuto una conversazione e la reazione che abbiamo avuto è stata probabilmente quella che ci aspettavamo. Sai, Microsoft non aveva molto da portare in tavola, Nintendo ha avuto successo ed è sempre stata una specie di azienda a sé stante, ma Bob e il suo team hanno esplorato ogni angolo“.

microsoft_nintendo_gx_1_940x529

Alla fine, abbiamo deciso di entrare nel campo hardware, che era una sorta di ultima opzione e so che suona un po’ strano, ma non eravamo un’azienda di hardware e quindi per noi decidere che volevamo produrre hardware è stato un enorme impegno. E abbiamo provato molti modi diversi per non farlo e alla fine, abbiamo dovuto farlo da soli“.

Bach ha inoltre spiegato come Microsoft fosse apparentemente incoraggiata da società di terze parti come Electronic Arts, che volevano che qualcun altro competesse con Sony e Nintendo. Alla fine, la decisione è stata quella di andare avanti con Xbox.

Ironia della sorte, quelli che ci dicevano che avremmo dovuto fare l’hardware erano in realtà publisher di terze parti. Persone come Electronic Arts e Activision e quei ragazzi, volevano qualcuno che competesse con Sony e Nintendo, quindi avere un terzo protagonista nel mercato era buono per loro. E non volevano che qualcuno facesse quello che faceva 3DO, ovvero concedere in licenza il loro hardware ad altre persone“.

Quindi, sai, A: avevamo potenziali partner che dicevano di no, e B: avevamo publisher di terze parti che dicevano “devi farlo da solo”, quindi è quello che abbiamo fatto“.

Mentre Microsoft e Nintendo ovviamente non hanno raggiunto un accordo, Xbox ha continuato ad acquisire lo sviluppatore Nintendo Rare.

Che ne pensate?

Fonte: Nintendolife.





Source link at www.eurogamer.it




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.