Roma, l’Europa di Mourinho si chiama Napoli

61


Mourinho pensa già al Napoli. Domani in Norvegia darà spazio alle riserve, per avere tutti i titolari pronti per il campionato nella sfida contro la capolista. Alcuni giocatori oggi non partiranno per la gara di domani, con la qualificazione al prossimo turno di Conference League già ipotecata. Domenica per la Roma è un altro esame di maturità contro una grande, contro il Napoli di Luciano Spalletti, che è stato l’ultimo allenatore ad essere riuscito a vincere nella Capitale. Le difficoltà contro le grandi continuano a essere un limite: la Roma ha ottenuto solo 21 punti sui 78 disponibili contro le squadre di alta classifica nelle ultime due stagioni. Mourinho ha affrontato Lazio e Juventus e ha perso entrambi i confronti. Dopo otto giornate nello scorso campionato Fonseca aveva due punti in più e aveva lasciato per strada quello annullato dal giudice sportivo per il pasticcio Diawara a Verona. Il progetto Mourinho richiede tempo, l’allenatore lo ricorda sempre. La Roma è già a nove punti dalla prima e ha perso tre su otto partite. E’ tra le poche squadre, insieme a Napoli, Fiorentina ed Empoli, a non aver mai pareggiato. Il quarto posto è l’obiettivo non dichiarato, ma per difenderlo bisognerà vedersela con Juventus, Lazio e Atalanta che sono indietro di un punto dopo aver avuto un avvio di stagione difficile. Mourinho deve dare più equilibrio alla difesa. Il gol incassato a Torino da Kean è frutto di una serie di errori individuali. Rispetto a un anno fa c’è più attenzione alla fase difensiva, ma ancora non basta. Anche in attacco è cambiato il modo di giocare, Pellegrini è più vicino al centravanti, agisce quasi da seconda punta. […]

Juve-Roma, Orsato nel mirino del web: quanti meme!

Guarda la gallery

Juve-Roma, Orsato nel mirino del web: quanti meme!

Roma, chi non ci sarà contro il Napoli

[…] Contro il Napoli mancheranno Smalling e Zaniolo, oltre a Spinazzola. In difesa sarà confermato Ibanez, in attacco ci sarà Carles Perez. Per il resto della formazione saranno in campo tutti i titolari. L’attaccante azzurro ieri ha fatto solo fisioterapia. I medici consigliano prudenza, dopo la distorsione al ginocchio sinistro, operato a Innsbruck dal professor Fink a settembre dello scorso anno. La risonanza magnetica ha scongiurato il pericolo di un nuovo intervento. Il giocatore vuole recuperare il prima possibile, i medici preferiscono frenarlo: è inutile affrettare i tempi e forzare il rientro. L’obiettivo è quello di farlo tornare in campo il 31 contro il Milan, quindi salterà di sicuro le partite contro Napoli e Cagliari. Ma la distorsione riportata a Torino può essere un campanello d’allarme e va monitorata giorno dopo giorno.  

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Mourinho:

Guarda il video

Mourinho: “Il Newcastle? Un forte legame ma sono felice alla Roma”



Source link at www.corrieredellosport.it




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *